LE LITIGATE SU WhatsApp

Le litigate su WhatsApp le riconosci al volo. Hanno dita instancabili che corrono veloci sulla tastiera e riempiono di parole lo schermo. O silenzi lunghi e parole a monosillabi. Hanno rabbia e desiderio di affermare una propria verità. Hanno capi chini e sguardi che non accennano a nessuna espressione.

Sono serie le litigate su WhatsApp. Perdono per strada emoticon e cuoricini e le frasi hanno punti senza sospensione. Punti che ti inchiodano e ti fanno meditare sulle parole.

Hanno lunghe attese delle volte e risposte lette in anteprima. “Che mica lo visualizzo subito, poi pensa pure che per me è importante!”

Ma in realtà sono le peggiori quelle litigate lì. Senza sguardi a cui aggrapparsi, senza mani che possano ritrovare un contatto, senza un tono che possa alleggerire il peso di certe parole. Non mi piacciono, hanno un terzo del valore reale. Sono perditempo e ti fanno essere, dietro lo schermo, qualcuno che non sei davvero.

A volte quelle litigate si ammorbidiscono da sole, o esauriscono le accuse. Si placano per paura di continuare. Per non superare il limite lecito di rivendicazioni.

Poi c’è lei che scrive a un palmo dal mio naso: “Se vuoi litigare vieni da me appena puoi!” prima di mettere il telefono in tasca e andare.

Mi spiazza, la guardo quasi ammirata. Vorrei dirle che oggi mi ha insegnato una lezione.
L’hashtag di stamattina è senz’altro #mettiamocilafaccia ma anche il #cuore.

Pubblicato da

Trentenne, comunicatrice di natura, scrittrice per hobby e amante del mare. Una sarda con il sole negli occhi.

2 pensieri riguardo “LE LITIGATE SU WhatsApp

Rispondi a Annalisa Daga Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...