Un incontro casuale e un cambio di prospettiva

Per una volta capita: non sono l’osservatrice ma “l’osservata” . Sono qui che aspetto la metro dopo una lunga giornata di lavoro, e ad un certo punto un ragazzo si ferma e mi saluta. Lo guardo e penso si sia sbagliato, ma ricambio con un sorriso. Non capita molto spesso a Milano che qualcuno ti […]

Continua a leggere

Benedette le mani che lavorano

Benedette le mani che lavorano. Quelle segnate da solchi profondi che hanno perso da tempo il loro naturale biancore e magari qualche volta abbiamo guardato con repulsione. Quelle grandi e forti dei nostri nonni, padri e fratelli. Quelle instancabili che non ci hanno mai fatto mancare nulla. Grazie alle quali abbiamo avuto la libertà di […]

Continua a leggere

Lei: una che lascia il segno

Li noto subito stamattina, sono gli unici in tutto il vagone che sembrano felici di essere lì, in questa giornata che è iniziata cupa e con la pioggia. Lui con il suo cappotto di lana aperto che lascia intravedere un completo blu con cravatta coordinata e lei coperta fino a sotto gli occhi con una […]

Continua a leggere